2021: RITORNO AL RAPPORTO UMANO

“Ahi serva Italia, di dolore ostello, / nave sanza nocchiere in gran tempesta,/ non donna di provincie, ma bordello!” (Dante – Divina Commedia Purgatorio, Canto VI, vv. 76-78).

L’invettiva dantesca esprime la mia inquietudine non tanto per essere morso da un attacco di sete e non poter bere quanto dalla impossibilità di socializzare davanti a un buon bicchiere di vino o un boccale di birra, in conseguenza delle misure restrittive della libertà personale, corollario esiziale della pandemia che ormai angaria le nostre esistenze dal 31 gennaio del 2020.

Il cosiddetto delivery permette di avere vino a casa di qualsiasi sorta.

Ora i ristoratori si sono attrezzati nel portare direttamente sulle tavole di casa i propri menù comprensivi di bottiglie di vino.

Anche le scorte di vino a casa sono sufficienti per andare avanti qualche mese. Ma tutto questo è un mero palliativo.

Quella che manca è l’ormai dimenticata convivialità nel sorseggiare un bicchiere di vino in compagnia di chicchessia e se si vuole più in generale una qualsiasi bevanda con qualcuno non legato da stretto rapporto parentale.

Il liquido alcoolico può anche non essere di qualità eccelsa ma ha il pregio in quel frangente di creare rapporto umano.

La possibilità di incontro e libero scambio di idee, per la maggior parte della popolazione, avviene nei luoghi ove si mangia e/o si beve.

Risale a tempi immemori la tradizione delle osterie nostrane o dei pub irlandesi come luogo di incontro a fianco dell’ ἀγορά (piazza) e della chiesa. Non dimentichiamolo.

Non voglio comunque dimenticare gli altri luoghi della socialità quali i cinema e i teatri che pure, in questo momento, stanno attraversando un periodo nero.

Non se ne abbiano a male gli attori e i registi e tutto il personale del settore ma il fulcro del blog è il bere, quindi osti e ristoratori, produttori di vino e consumatori sono il nostro target, non la recitazione.

Si conclude, quindi, con un auspicio il mio primo post del 2021: speriamo di ritornare al più presto al bar e al ristorante!

By D.T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *